Home Gastronomia Ricette piemontesi Fritto misto alla Piemontese
Fritto misto alla Piemontese PDF Stampa E-mail
Ricette piemontesi

La nascita di questo piatto è legata al rito della macellazione del maiale e alla necessità di non sprecare nulla. In origine il fritto misto annoverava i sanguinacci, il polmone (fricassà bianca), il fegato (fricassà neira). Col tempo si è arricchito nuovi ingredienti e numerose sono le versioni: tipici del Monferrato sono i fiori di zucca e gli amaretti.

Ingredienti per 4 persone*:

-4 bistecchine di vitello*

-4 polpettine di carne macinata*

-(un lacetto -animella- di vitello)*

-2 etti di filoni (schienali) di vitello

-(mezza cervella)*

-4 fettine di fegato*

-6 pezzetti di salsiccia*

-4 amaretti

-3 uova

-Pane grattugiato, olio d'oliva.

Per il semolino:

-2 etti di zucchero

-125 grammi di semola

-mezzo litro di latte e la scorza di un limone


Preparate prima il semolino.

Portate ad ebollizione il latte con lo zucchero e la scorza di limone grattugiata e aggiungete a pioggia la semola amalgamandola con la frusta. Cuocete per cinque minuti, rovesciate in uno stampo e lasciate raffreddare per un giorno.

(Sbollentate la cervella, i filoni e il lacetto per tre minuti e scolateli)*.

Tagliate tutte le carni a fettine e il semolino freddo a losanghe. Infarinate gli amaretti. Sbattete un uovo, immergete i semolini e gli amaretti infarinati e passateli nel pane grattugiato.

Passate le carni nelle altre due uova sbattute e nel pane grattugiato.

Amalgamate l'ultimo uovo con la carne tritata, il parmigiano grattugiato, il pepe; formate delle polpettine e impanatele.

Fate friggere tutti gli ingredienti impanati in una padella di ferro, con olio extravergine di oliva bollente: prima il dolce, poi il salato, curandovi di cambiare olio ogni volta.

A parte, rosolate il fegato infarinato e la salsiccia.

Servite il fritto misto caldissimo.

Vini consigliati : rossi corposi.


*ATTENZIONE: fegato e carne bovina devono provenire da allevamenti controllati. Gran parte della carne di razza piemontese dovrebbe tuttavia essere priva di rischi.

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Maggio 2010 18:00