Home Itinerari Itinerari: il Monferrato acquese
Itinerari: il Monferrato acquese PDF Stampa E-mail
Itinerari

Itinerario: Ponzone / Cavatore / Acqui Terme / Alice Belcolle / Cassine / Strevi / Rivalta Bormida / Orsara / Morsasco / Sezzadio

Il passo del Sassello, insinuandosi fra le cime dell'Appennino, mette in comunicazione la provincia di Savona, con Acqui Terme e il suo circondario. Superato il Bric Berton, si è subito nel territorio di Ponzone; il borgo storico ben conservato presenta nella chiesa parrocchiale un gruppo ligneo di Maragliano.

Ponzone, è davvero un impareggiabile belvedere sulla Liguria, il Monferrato, le Langhe, le Alpi. Scendendo verso Acqui Terme, s'incontra Cavatore con la torre duecentesca. Infine si giunge in città, bacino in cui si riversano le strade che scendono dalle colline tra il verde dei boschi e dei vigneti. Fondata dai romani, verso la metà del '200 legò le sue sorti ai signori del Monferrato.

Notevoli ad Acqui Terme: la Basilica di S. Pietro, di origine paleocristiana, il castello dei Paleologi, la cattedrale di S. Guido e il palazzo vescovile che la fronteggia. Nel cuore della città, sgorgano le famose acque termali di risonanza non solo nazionale, la famosa "bollente" di Acqui Terme. A nord, sulla strada per Nizza Monferrato, scopriamo le dolci fertili colline di Alice Belcolle. Deviando a destra si ritorna alla Bormida; sulla collina di Cassine domina la quattrocentesca casaforte dei conti Zoppi, impreziosita da un affresco di Pisanello.

Seguendo a ritroso il corso del Bormida, a pochissimi chilometri da Acqui, si arriva a Strevi, con le sue antiche torri e la villa vescovile immerso nei pioppeti e nei vigneti dalle cui uve rare si ricava un nobilissimo spumante. Poco distante, intorno ai ruderi del vecchi castello c'è Rivalta Bormida; una breve deviazione verso i castelli di Orsara e Morsasco; da qui si ritorna a Castelnuovo, che conserva l'imponente torre quadrata, resto del castello sorto nell'XI secolo. Proseguendo verso Alessandria, si arriva a Sezzadio, al centro di una fertile pianura con la romanica Badia di S. Giustina, una delle più importanti testimonianze gotico-romaniche del Piemonte. Qui, secondo la tradizione, vide la luce Aleramo, il capostipite della stirpe che dominò su queste terre, e che, per difenderle, le arricchì di numerosi e splendidi castelli che conservano ancora inalterato il loro fascino medioevale.



Ufficio del Turismo di Acqui Terme
c/o Torre civica - Corso Italia - 15011
Tel. n. 0144/322142 - Fax n. 0144/329054 –
email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

A.P.T locale di Alessandria
Via Savona, 26 - 15100 –
Tel. n. 0131/445711 - Fax n. 0131/317570
Sito Internet: www.alexala.com

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Luglio 2017 10:47