La creazione dei piemontesi Stampa
Leggende popolari

La creassion dij Piemontèis - La creazione dei  piemontesi

El Creatoe al sest dì, a l'era  alvasse bonora e a l'avia ampastà l'òm a la fomma prima ch'as fèissa di.
Adam a l'era piasse sùbit na cheuita soagnà d'Eva e, quand a l'è alvasse ‘l sol, a l'avìo già faàit la frità.Antlora le giornà a j'ero motoben pì longhe ‘d lòn che a peusso esse ancheuj, mentre tut el rest as fasìa motoben pì an pressa.Sòn per dì che, prima che a je spontèissa'l di che a fè set e prima che Nosgnor a tachèissa l'arpòs, an sle rivere dj'anviron a-i furmiolavo già na mesa dosen-a ‘d tribù.


E gnente a sarìa se a fussa nen che as cimentavo, as ghemmonavo, as busticavo,as si fin-a che minca na tribù a l'avìa già trovà sò Cain per forgè j'arme e ussè le pere.
A l'è stàit a sta mira che San Michele a l'è andàit dal Creator e a l'ha dije: " Pare Sant, mi sai che Voi i feve tut da bin e iv ciam scusa! ma, guardand giù ant le vaj del mond, i veddo che le rasse ‘d gent che i l'eve butaje andrinta a son rasse malgrassiose e cagnin-e.
Perchè, Nosgnor, i cree nene na rassa con un pò ‘d lolà ant la testa ? Na rassa che, sensa ciaramlè tant,a s'angigna a butè un pò d'ardriss an sla tèra. Na rassa ch'a-j mostra a cudì ij camp e le vigne, a ten-e le piante a ij pra. Na rassa ch'a sapia a travajè per lor e per j'àutri e che, a temp e ora, a sapia ten-e e mnè ‘l baston ?".
El Creator, che a l'era già butasse le pantofle ant ij pè e la scufia an testa, coma as costumava antlora, a l'avìa scotà San Michele con la boca ambajà. Pì ‘l temp passava, pì as sentìa content d'avèj creà n'Angel così an piòta e antivist.
E, alvandse an s'una nìvola, a l'avìa vardà giù vers la gusaja che a seguitava a fesse ‘d despresie e a possognesse: " Tirte an là! , Sì a l'è mè!, Son rivaje prima mi!".
A l'era virasse desgustà, rissand el nas e sopatand la testa. " A venta pròpi che i fasso n'autrà rassa, coma it dise ti! Ma na rassa che a l'abia la testa sel còl!
La testa sel còl, nopà che sle spale coma tuti j'àutri! Na rassa ch'a s'angigna, ch'a buta d'ardriss, ch'a cudissa, ch'a travaja per lor e per j'àutri! "
E ‘l Creator e l'era calà sle montagne e, con la tèra nèira, l'eva ciàira, el sol foà, la ròca dura, a l'avìa fàit la rassa piemontèisa con la testa sel còl.
" Và e travaja, butand giudissi per tuti!......" a l'avìa dije al prim piemontèis.
Ma, ant la pressa, Nosgnor a l'è desmentiasse ‘d deje ‘l bastion da ten-e e da mnè.
A l'è parèj che ij piemontèis a son ancora bele ancheuj coma a l'ha faje Nosgnor! A travjo per lor e per j'àutri, butand giudissi per tutti.
El mal a l'è che coj che a l'han la testa sle spale a l'han seguità a ten-e e a mnè ‘l baston sla schin-a dle ciole che a l'han la testa sel col.


La creazione dei  piemontesi


Il Creatore al sesto giorno, si era alzato di buon'ora e aveva impastato l'uomo e la donna, prima che facesse giorno.
Adamo si era subito innamorato di Eva e, quando si era alzato il sole, avevano già fatto la frittata!
Allora, le giornate erano molto più lunghe di oggi, mentre tutto il resto si faceva più in fretta.
Questo, per dire che prima che spuntasse il giorno, che era il settimo, e prima che Nostro Signore incominciasse il riposo, sulle rive di un fiume si formavano già una mezza dozzina di tribù.E non sarebbe niente se non fosse che si cimentavano, mugugnavano, bisticciavano, si dice anche che una tribù avesse già trovato il suo Caino per forgiare le armi e appuntire le pietre.
E' stato allora, che San Michele è andato dal Creatore e gli ha detto: " Padre Santo, io so che fate tutto bene, e chiedo scusa, ma guardando giù le valli del mondo, vedo che le genti che avete messo dentro, sono razze cattive e maleducate.
Perché Nostro Signore non crei una razza con un po' di giudizio nella testa, una razza che, senza chiacchierare troppo si ingegna a mettere un po' di ordine nella terra. Una razza che insegna a quelli dei campi e delle vigne a tenere bene le piante e i fiori. Una razza che sappia lavorare per sé e per gli altri e che al tempo giusto sappia tenere e menare il bastone? "
Il Creatore, che si era già messo le pantofole nei piedi e la cuffia in testa, come si usava allora, aveva ascoltato San Michele con la bocca aperta. Più il tempo passava, più si sentiva contento di aver creato un angelo così in gamba e all'avanguardia.
E salendo su una nuvola, aveva guardato giù verso la gentaglia che continuava a farsi dispetti e a spingersi. "Spostati! Questo è mio! Sono arrivato prima io!"
Si era voltato disgustato arricciando il naso e scuotendo la testa: "Devo proprio fare un'altra razza, come dici tu, ma una razza che abbia la testa sul collo!
La testa sul collo, non sulle spalle come tutti gli altri. Una razza che s'ingegna, che metta ordine, che accudisca, che lavori per sé e per gli altri!!"
Il Creatore si era calato sulle montagne e con la terra nera, l'acqua chiara, il sole caldo e la roccia dura aveva fatto la razza piemontese con la testa sul collo.
"Vai e lavora mettendo giudizio per tutti...." Aveva detto al primo piemontese.
Ma nella fretta, Nostro signore, si è dimenticato di dargli il bastone da tenere e da menare.
E così che i piemontesi sono ancora come li ha fatti Nostro Signore. Lavorano per sé e per gli altri, mettendo giudizio per tutti.
Il brutto è che quelli che hanno la testa sulle spalle, hanno continuato a tenere e menare il bastone sulla schiena degli stupidi che hanno la testa sul collo!


Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Gennaio 2011 18:53