Vignale Monferrato PDF Stampa E-mail
Monferrato, Astesana, Alessandrino

Provincia di Alessandria

Abitanti 1173

Superficie kmq 18,81

Altitudine m 308

Denominazione abitanti vignalesi

Festa Patronale San Bartolomeo

Frazioni e località San Lorenzo, Mogliano, Fons Salera

Comuni limitrofi Olivola, Fubine, Frassinello Monferrato, Camagna Monferrato, Cuccaro Monferrato, altavilla monferrato, Casorzo

Distanza da Alessandria Km 24

Autostrada casello A26 Casale Monferrato Sud

 

Storia e arte

Il comune di Vignale è situato su uno dei colli più alti del Monferrato, al centro del triangolo che ha i vertici in Alessandria, Asti e Casale.

Il nome, la cui prima attestazione certa risale a un documento dell'880, è dovuto alla presenza nei pressi dell'abitato di numerose colture vitivinicole. Quasi sicuramente si può affermare la derivazione da vinea, da cui vinealis, cioè "luogo con nume- rose vigne". Citato in una donazione del 1033, il borgo venne successivamente dato da Federico I ai marchesi del Monferrato, che furono a lungo i signori del paese.

Diventato libero comune, il borgo fu nel XIII secolo oggetto di violenti scontri tra i guelfì e i ghibellini che ebbero la meglio e misero al potere i Pastoroni. Nel corso del XVI e del XVII secolo, il paese dovette subire le ripetute invasioni delle milizie spagnole, francesi e tedesche.

Con la pace di Vienna del 1703, infine, Vignale fu incluso nei territori di casa Savoia.

La Parrocchiale di San Bartolomeo ha una facciata preceduta da un monumentale pronao classicheggiante. Eretta nel Settecento su progetto del Magnocavalli, l'edificio fu terminato dall'architetto spoletino Agostino Vituli e consacrato solo nel 1825. All'interno ci sono affreschi di Luigi Morgari e un grandioso altare sul cui ciborio è posto un Crocifisso del XVI secolo. La mole della chiesa presenta verso occidente da uno spiazzo che costituisce uno dei più suggestivi belvedere del Monferrato. La piazza sottostante è dominata dal Municipio, da una Torre medioevale e dal giardino che porta nella zona di Palazzo Callori. Erroneamente chiamato "castello", il palazzo fu residenza dei Callori a partire dai primi anni del Settecento, quando i nobili furono costretti ad abbandonare il vecchio maniero. Più in basso si nota la tardo-gotica facciata in cotto della Chiesa dell'Addolorata. Incominciata nel 1470 per volontà di Guglielmo VIII Paleologo, fu finita nel 1505 e fu donata ai servi di Maria che qui rimasero per alcuni decenni. La chiesa al suo interno ha un importante coro del XVI secolo. Tra gli edifici religiosi meritano di essere citati anche la seicentesca Chiesa della Purifìcazione e la Chiesa di Santa Maria, decorata con interessanti sculture romaniche.

A Vignale si svolge un significativo appuntamento culturale denominato "Vignale Danza": una manifestazione estiva nel corso della quale compagnie di ballo provenienti da tutto il mondo, insieme a coreografi e ballerini di altissimo livello danzano nel corso di più giorni.

Una delle attività più importanti della zona è l'agriturismo con aziende che danno la possibilità di pernottare e che offrono pranzi e prodotti alimentari. Importante è anche la Fons Salera, sulla strada per Casale, in un'oasi di verde. La sua acqua curativa bromidrica era già famosa nel Cinquecento. Sono inoltre da ricordare importanti aziende vitivinicole, alcune industrie e numerose attività artigianali.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Aprile 2010 16:42
 

Piemondo

Copyright © 2023 Piemondo. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Chi c'è on line

 46 visitatori online