Visone PDF Stampa E-mail
Monferrato, Astesana, Alessandrino

Provincia di Alessandria

Abitanti 1201

Superficie kmq 12,56

Altitudine m 161

Festa patronale Santi Pietro e Paolo

Comuni limitrofi Acqui Terme, Strevi Morsasco, Prasco, Morbelllo, Grognardo

Distanza da Alessandria km 37

Autostrada. Casello A26 Ovada

I patroni del paese sono i Santi Pietro e Paolo, e la festa a loro dedicata si svolge il 29 giugno.

L'ultima domenica di maggio sagra delle "busie" .

 

Visone dista pochissimi chilometri da Acqui Terme, lungo la statale che porta a Ovada e Genova, sulla sponda est del fiume Bormida, dove confluiscono le acque del torrente Visone. L'abitato è conserva i resti dell'antico castello, attorno al quale si snoda il nucleo originario del paese.

Il nome del paese è menzionato nell'atto di fondazione dell'Abbazia di San Quintino di Spigno Monferrato, di proprietà del comitato di Acqui. Passato nelle mani del marchese Aleramo, fondatore del marchesato del Monferrato, andò poi ai suoi discendenti dei rami di Ponzone e di Bosco, di Melazzo, di Vasto, di Sezzadio, che diventarono signori del paese.

Nel 1039 la parte dell'abitato che apparteneva al ramo di Melazzo passò all'episcopato acquese. Nel 1443, invece, la parte che spettava ai marchesi del Monferrato divenne un feudo e fu concessa dal marchese Bonifeio ai Malaspina. Nel XVII secolo, infine, il feudo fu dominio dei Centurione di Morsasco e Castelnuovo.

Al termine di via Castello si possono vedere i resti della cinta muraria dell'antico borgo medioevale fortificato risalente all'XI secolo. Del Castello rimangono soltanto le rovine, dalle quali sovrasta un'alta e bella torre con merli, anche questa, purtroppo, in parte distrutta. Accanto si trova una porta della cinta muraria, sempre medioevale.

Sulla via principale si può notare la Casa Rossi, cinquecentesca, con loggia rinascimentale affrescata. Tra gli edifici sacri, di grande importanza è la Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, posta al centro del paese. All'interno dell'abitato è da ricordare la Chiesa di San Rocco, all'esterno del concentrico si trova la piccola Chiesa di Santa Croce.

 

Ai confini del paese, verso Ovada, si trova il cimitero, nel quale sono i resti di un'abside romanica facente parte di una chiesa dedicata a San Pietro (XI secolo).

Nel territorio sono presenti sedimenti di fossili e cristalli e acque curative.

Economia

Nella parte pianeggiante del paese i terreni sono coltivati a cereali, in collina vigneti - le uve dolcetto producono l'ottimo Dolcetto di Acqui - e frutteti. Fiorente è il trattamento dei funghi che costituisce un'alternativa all'agricoltura e al commercio. Importante è la produzione di torrone e amaretti, molto pregiati.

Visone è unito alle strade panoramiche che portano all'Appennino savonese, passando a monte di Acqui Terme. Per questo nel periodo estivo si sviluppa il turismo.

I patroni del paese sono i Santi Pietro e Paolo, e la festa a loro dedicata si svolge il 29 giugno; l'ultima domenica di maggio, invece il paese si ravviva per la sagra delle "busie" (tipiche frittelle dolci).

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Aprile 2010 16:43