Mombaldone PDF Stampa E-mail
Langhe e Roero

Mombaldone è situato all’estremo sud della provincia di Asti, nella Comunità Montana "Langa Astigiana – Val Bormida". 
L’Abitato è costituito essenzialmente da due borghi: l’uno di carattere medievale, ancora ben conservato, risalente all’epoca romana, è sorto lungo la via Aemilia Scauri a mezza costa del Bric Arbarella, in antico Mons Baldus; l’altro di più recente sviluppo, sorto intorno alla stazione ferroviaria.

Il paese è lambito dal torrente Ovrano che scende dal vicino paese di Roccaverano.

Le cronache storiche del paese affondano nel medioevo: nel 1209 Ottone del Carretto fu investito del feudo di Mombaldone, ottenendo in seguito molti privilegi dall’imperatore Carlo V, tra cui il titolo di Vicario Imperiale del Sacro Romano Impero, la possibilità di conferire lauree in teologia, filosofia e medicina e di battere moneta.

Una particolarità del borgo è la presenza di gallerie, stanze e passaggi segreti, i cui tracciati si perdono nella leggenda, ma che all’inizio di questo secolo erano ancora percorribili: in particolare esistono dei cunicoli risalenti al 1300, che, passando sotto le mura, arrivavano fino al torrente, per far abbeverare le bestie in caso di assedio.

I monumenti più importanti, oltre la Torre del Castello, sono la chiesetta della Madonna del Tovetto risalente al 1679, l’Oratorio dei SS. Fabiano e Sebastiano, del 1764 e la chiesa parrocchiale dedicata a S. Nicolao, del tardo ‘700.

Particolarità naturali del luogo sono i calanchi, creati dall’erosione di tufi e scisti argillosi, gli orridi, strapiombi selvaggi dalle vedute mozzafiato e le rocche, un anfiteatro naturale risultato della progressiva erosione del fiume Bormida.

La cucina locale è inevitabilmente legata all’impiego dei frutti di questa terra (funghi, tartufi, nocciole, erbe aromatiche), accompagnata dai diversi vini D.O.C (Barbera del Monferrato, Barbera d’Asti, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto e Moscato). Mombaldone è anche zona di produzione di formaggi a denominazione d’origine: la Robiola di Roccaverano, formaggio fresco di latte vaccino e ovocaprino, il Brus, dal gusto molto piccante. Altri formaggi della zona sono: il Primolino, il Capriccio, l’Ovrano, il San Carlo, il Vengore, prodotti soprattutto presso il Caseificio Sociale di Roccaverano.

Il borgo ospita durante l’anno interessanti manifestazioni: Mombaldone Medievale (ultimo fine settimana di Agosto), rievocazione storica con figuranti in costume e rappresentazioni di episodi di vita del tempo; la Sagra delle Frittelle (ultima domenica di Maggio), durante la quale viene proposta al pubblico questa gustosa specialità locale; la Fiera del Montone Grasso (2 ottobre), fiera di antica tradizione, è l’occasione per immergersi nella vita contadina del passato, assistendo fin dal mattino all’arrivo delle greggi, al vociare delle contrattazioni fra gli allevatori, alla premiazione dei capi migliori.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Aprile 2010 15:24
 

Articoli correlati

Scorci del Piemonte

Palamad.jpg

Chi c'è on line

 70 visitatori online