Home Tempo libero Manifestazioni CONOSCERE E AMARE L’ITALIA Le trasformazioni del Paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni, padre del FAI
CONOSCERE E AMARE L’ITALIA Le trasformazioni del Paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni, padre del FAI PDF Stampa E-mail
Manifestazioni

Prosegue la mostra fotografica itinerante
Manta (CN), Castello della Manta  20 luglio – 26 agosto 2018

INGRESSO ALLA MOSTRA A CONTRIBUTO LIBERO

Il nostro Paese reca importantissime stratificazioni di antiche civiltà.
Noi non possiamo ignorarlo, non possiamo distruggere queste vestigia.
Anzi, dobbiamo farle nostre, in modo che non vengano conservati dei cimiteri,
ma delle sedi umane perfettamente vitali.
Renato Bazzoni


Prosegue la mostra fotografica itinerante Conoscere e amare l’Italia. Le trasformazioni del Paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni, padre del FAI che raccoglie gli scatti dell’architetto milanese e ripercorre le tappe del suo impegno civile per la tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale italiano a partire dagli anni Cinquanta. Dal 20 luglio al 26 agosto 2018 l’esposizione, organizzata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano con il contributo e l’impegno degli Amici del FAI, giunge al Castello della Manta, Bene della Fondazione a Manta (CN), per raccontare l’evoluzione del nostro Paese da agricolo a industriale, l’avvento del turismo di massa, il rapido processo di urbanizzazione e gli oltraggi al territorio che ne sono derivati.

La mostra è divisa in sei sezioni – a ciascuna corrisponde un monitor su cui scorrono le immagini – e comprende circa 300 scatti, parte di un corpus di quasi 30.000 foto, donato al FAI dalla signora Carla Bazzoni, moglie di Renato, scomparso nel 1996. La sezione Nelle valli del Piemonte presenta le fotografie di una delle prime spedizioni etnografiche di Bazzoni attorno alla metà degli anni Sessanta, testimonianze di un mondo che sta scomparendo. Da architetto, affascinato in particolare dalla Valsesia e dalle valli attorno al Monte Rosa, è attratto dai dettagli costruttivi, dall’uso del legno e della pietra per le abitazioni che hanno sfidato i secoli, dalle necessità dell’uomo ridotte all’essenziale. Lo dimostrano le case Walser che custodiscono, nello stretto rapporto con la natura, la forza di una tradizione, di una civiltà. L’interesse di Bazzoni, però, è anche inserire le abitazioni nei paesaggi dove sorgono e ritrarle con chi le rende vive, una coppia di anziani contadini o un gruppo di bambini sorridenti.

L’esposizione prosegue con le sezioni sull’Architettura spontanea o rustica, frutto delle ricognizioni di Bazzoni nei primi anni Cinquanta alla scoperta di un’Italia “minuta” e produttiva; sul lavoro di indagine che confluì nella mostra del 1967 Italia da salvare, a cura di Touring Club Italiano e Italia Nostra, che per la prima volta ha posto i cittadini di fronte ai disastri del dissesto ambientale; sul fragile habitat di Venezia e la “bellezza accattivante e splendente, direi sfacciata” della Laguna, che l’architetto considerava non sufficientemente salvaguardata; sugli scempi edilizi nelle zone costiere nel periodo del boom economico.   Infine, la sezione Nel solco di Romolo: leggere il territorio, la storia dell’uomo attraverso il paesaggio che per Bazzoni era “un corpo vivo che traduce in forme i contenuti delle civiltà che vi si svolgono”.



La mostra è arricchita da un video-documentario dedicato a Renato Bazzoni – a cura di Simone Pera e Alberto Saibene – che recupera rare interviste a Bazzoni e le testimonianze di chi lo ha conosciuto e frequentato.




La mostra è organizzata con il contributo e l’impegno degli Amici del FAI.




Grazie alla Delegazione FAI di Cuneo, ai volontari FAI del Castello della Manta e agli studenti del Liceo Ginnasio Statale “G. B. Bodoni” e sez. annessa Liceo Scientifico di Saluzzo (CN) e dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Soleri - A. Bertoni” di Saluzzo (CN).

Con il Patrocinio di Regione Piemonte, Provincia di Cuneo e Comune di Manta
Il calendario “Eventi nei beni del FAI 2018” è reso possibile grazie al significativo sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI, e al prezioso contributo di PIRELLI che conferma per il sesto anno consecutivo la sua storica vicinanza alla Fondazione. Si aggiunge quest’anno la prestigiosa presenza di Radio Monte Carlo in qualità di Media Partner.

* * * * *

Giorni e orari di apertura: 20 luglio – 26 agosto 2018, da martedì a domenica, dalle ore 10 alle 18.
Venerdì 20 e 27 luglio, 3, 10, 17 e 24 agosto, sabato 11 e 18 agosto, in occasione delle Sere FAI d’Estate, la mostra sarà visitabile fino alle 23.


INGRESSO ALLA MOSTRA A CONTRIBUTO LIBERO
Per gli ospiti che fossero già stati al Castello della Manta
è possibile visitare esclusivamente la mostra senza acquistare l’ingresso al Bene


Per informazioni: www.mostrabazzoni.it; 0175 87822

www.fondoambiente.it
Ufficio Stampa FAI
Francesca Decaroli – stampa – 02.467615276
Novella Mirri – radio e tv – 06.68308756